Riscaldamento: consigli per sostituire il vecchio calorifero con un radiatore di design

radiatore in ghisa turchese
radiatore ghisa TIFFANY di Scirocco H

Le 10 regole più importanti da seguire quando si decide di sostituire il proprio termosifone con un radiatore/scaldasalviette di design

E’ il momento di rassegnarci, l’autunno è ufficialmente arrivato. E con l’avvicinarsi della stagione più fredda l’unica ancora di salvezza per riscaldare le nostre abitazioni resta il caro e vecchio, e a volte ingrigito, calorifero.

Ma per tutti gli appassionati di arredo design, che non rinunciano allo stile nemmeno quando si parla di riscaldamento, le soluzioni che il mercato mette a disposizione di certo non mancano.

Aziende, designer e architetti si sfidano stagione dopo stagione per creare le soluzioni più originali, innovative e allo stesso tempo funzionali ed efficaci, dando vita a vere proprie opere d’arte che trasformano i termosifoni da semplici “mezzi” per riscaldare in veri gioielli di design sempre più performanti. Se stai pensando di sostituire uno o più caloriferi, ecco i consigli da seguire per non commettere errori.

10 regole per sostituire il calorifero

radiatore a piastra sottile
Radiatore a paistra in alluminio Coral di Scirocco H

Quando? Meglio con l’impianto di riscaldamento spento

Non esiste una stagione in assoluto migliore delle altre, sicuramente prevedere di iniziare i lavori in primavera-estate avrebbe l’indiscusso vantaggio di non patire il freddo durante i lavori di ristrutturazione e soprattutto con l’impianto di riscaldamento spento si ridurrebbero i tempi di lavoro, con un risparmio anche del costo di manodopera.

Questione di potenza

Fondamentale quando si decide di cambiare il proprio temosifone è quello di installare un modello di pari potenza. Se come nella maggior parte dei casi, i radiatori sono collegati al circuito termosnitario, è importante che questo venga correttamente dimensionato. Occorre, cioè, valutare quanto calore sia necessario per riscaldare i locali e la potenza che serve per ottenere questo risultato. Per fare una stima sul fabbisogno termico invernale di una stanza o di tutta un’abitazione, occorre moltiplicare il volume da riscaldare per un coefficiente termico, che indica le calorie necessarie per metro cubo. Tale parametro oscilla tra le 30 e le 45 Kcla/mc, in base alla tipologia di edificio e alla posizione geografica. Più basso se la casa è ubicata nel sud Italia e in località di mare, più alto dove il clima è più rigido.

radiatore ventilato di design
radiatore ventilato ad alta efficienza SOFI HC di Cordivari Design

Attenzione ai dettagli

Fare sempre attenzione alla coibentazione delle stanze, alla dimensione, all’esposizione e alla presenza o meno di serramenti (finestre, portefinestre, lucernari, ecc.). Inoltre, nel calcolo della potenza termica necessaria a riscaldare il locale, questi dati sono essenziali per identificare il coefficiente che poi sarà moltiplicato al volume del locale trattato.

Da quale stanza iniziare

Volendo valorizzare l’estetica del termoarredo rendendolo protagonista della stanza, la soluzione ideale è quella di sostituire prima quelli presenti nella zona giorno della casa. Se, invece, il progetto prevede oltre al design anche l’aspetto funzionale, allora partire dalla stanza da bagno con l’installazione di uno scaldasalviette diventa la scelta migliore.

radiatori con portasalviette sopra vasca da bagno
radiatore con portasalviette TESO di Antrax

Il luogo di installazione non va lasciato al caso

Per tradizione, il radiatore è posto sotto la finestra, poiché in questo modo contrasta gli evenuali spifferi di aria fredda provenienti dal serramento. L’aria calda, che si diffonde prevalentemente per convenzione, sale verso il soffitto e si distribuisce in modo più uniforme, garantendo un comfort migliore. Se però la casa è ben coibentata e i serramenti sono a tenuta, si ha maggiore libertà di scelta. Nel caso di un radiatore/scaldasalviette alto, occorre comunque trovare una collocazione diversa, in ogni caso lungo una parete perimetrale esterna, e anche in questo caso meglio se in prossimità della finestra, per agevolare la distribuzione del calore.

La scelta dei materiali: tradizionali o moderni?

Negli anni si è passati dalla ghisa, ottima per le sue capacità di mantenere a lungo il calore anche se più lenta ad arrivare a temperatura, all’acciaio che si scalda più velocemente ed è molto resistente alla corrosione e all’usura. Tra di loro c’è l’alluminio, inizialmente utilizzato solo nei prodotti economici grazie all’elevata resa termica, per poi diventare, con le attuali lavorazioni tecnologiche, molto utilizzato anche nei prodotti di design. A livello ecologico, i termoarredi in alluminio riciclato sono validi, ma ormai anche l’acciaio si ottiene da colate di materiale di recupero.

radiatore alto in alluminio
radiatore in alluminio bianco BRYCE di Vasco

Con il funzionamento misto si va sul sicuro

Idraulico, elettrico o misto sono tutte e tre soluzioni valide. Ognuna adatta a specifiche esigenze. Potendo scegliere è ideale optare per un radiatore con funzionamento misto, cioè idraulico ed elettrico. Il misto ha il vantaggio di essere molto versatile, in special modo nelle stagioni intermedie, dove con l’impianto di riscaldamento centralizzato spento si può scegliere di scaldare in modalità elettrica i locali della casa che rimangono più freddi, come il bagno. Inoltre, in abitazioni ben coibentate si può ottenere un ottimo comfort termico con una spesa energetica minima.

Gli accorgimenti indispensabili per un lavoro impeccabile

Quando si decide di sostituire il vecchio calorifero con un termoarredo difficilmente la posizione degli attacchi idraulici saranno gli stessi, per via delle forme particolari che assumono spesso i radiatori di design. Per questo in fase di ristrutturazione è fondamentale conoscerne spazi e misure, mentre per le versioni elettriche bisognerà mettere in preventivo di inserire un’opportuna presa di alimentazione.

radiatori modulari appesi sopra il divano
radiatori componibili TAVOLA e TAVOLETTA di Antrax

A chi rivolgersi per trovare e installare il nuovo termoarredo

Punto di partenza è la visita allo showroom o negozio, dove ci si può fare una prima idea del modello e delle caratteristiche più adatte alla propria casa. Una volta scelto e acquistato, sarà compito dell’installatore effettuare i lavori. Evitare il fai da te per l’installazione e non solo. Anche nel caso di una semplice sostituzione, vale sempre il consiglio di affidarsi a un tecnico qualificato.

1 Shares
You May Also Like